"Dai diamanti non nasce niente..." (F. De André)

Editoriale pubblicato il 05 mag 2016 nella newslsetter 18/2016

Dal terremoto che nel 1976 sconvolse terra e comunitÓ di questa regione possiamo dire, guardando ai fatti, che presero forma nuove e inedite cose:
1.la prima esperienza di volontariato di protezione civile italiana, che traduceva la generositÓ di cittadini provenienti da ogni parte d'italia in aiuto concreto, organizzato e capillare. Persone di tutte le etÓ, con motivazioni diverse, raccolte o meno in associazioni, si sono messe al fianco della popolazione nei paesi e nelle  frazioni piccole e piccolissime ed hanno fatto quello che c'era da fare in quella devastazione: pulire macerie, far giocare i bambini, sistemare tende e alloggi, dare amicizia e coraggio.
Una forza civile che ha ascoltato le esigenze della popolazione ed ha integrato con intelligenza e capacitÓ gli interventi delle istituzioni - locali e nazionali - indispensabili ma non sufficienti a dare risposta adeguata alla situazione. L'espressione di una volontÓ di partecipazione e auto-organizzazione che nasceva "dal basso" e dialogava con "l'alto" per meglio "servire" la gente.
2.la responsabilitÓ che gli amministratori del FVG hanno progressivamente assunto ed esercitato fino al completamento della ricostruzione: una scelta coraggiosa che ha dato una percezione concreta dei problemi e ancorata ai paesi reali; un vero antidoto per soluzioni che venivano "da lontano" che avrebbero snaturato per sempre l'identitÓ delle comunitÓ locali.
3.il protagonismo esercitato dalla popolazione e dalla chiesa locale per dire la propria su bisogni e soluzioni ai problemi: assemblee, documenti e manifestazioni pubbliche davano forma alla volontÓ di non essere destinatari passivi di risposte costruite altrove ma di essere gli interlocutori indispensabili per ricostruire.
In Friuli il volontariato italiano ha lavorato in modo silenzioso ma ha pensato con la sua testa ed esercitato l'autonomia e la responsabilitÓ che spetta ai cittadini. Nelle successive "disgrazie" nazionali  il protagonismo costruttivo e libero del volontariato ha dovuto cedere il passo alla preoccupazione istituzionale di accentrare decisioni e interventi, assegnare rigidi confini ai compiti dei volontari, non incoraggiare gli amministratori locali a gestire la responsabilitÓ nÚ le popolazioni colpite a rendersi parte attiva. Altri tempi dal 1976. E forse anche un'altra Italia.


                    5 x 1000 al MoVI
   
             dacci una mano facciamo crescere il volontariato!
                 
                                         Segna il nostro CF
              
                                                              91012830930